Coronavirus, nuovo decreto: il Governo ha deciso, tutto chiuso tranne farmacie e alimentari, edicole e tabacchi. Le associazioni di categoria chiedevano questa ferma presa di posizione, o di coraggio, al Governo da giorni: era un controsenso vedere aperti ristoranti, bar, negozi di abbigliamento e barbieri, parrucchieri ed estetiste quando ai cittadini veniva calorosamente suggerito, dove non obbligato, a restare a casa.

Come se le partite iva fossero un mondo a parte.

Infatti, erano già in molti ad aver autonomamente abbassato la saracinesca.

Una situazione paradossale che oggi, dopo 10 giorni dall’inizio del caos, ha visto la fine, grazie a questo nuovo decreto.

 
È il terzo in appena cinque giorni. E va bene, si è capito che l’Italia (e per fortuna forse) non era pronta a questa pandemia, conclamata anche questa oggi dall’Oms.
Meglio tardi che mai, almeno gli imprenditori avranno, se non la certezza, almeno una realistica speranza che saranno supportati dagli aiuti previsti per sgravi fiscali e imposte.