Va bene, vive a Bellaria-Igea Marina, ma i suoi natali sono pugliesi: di Altamura per la precisione, dove è nato 34 anni fa.

Lui è Francesco Aquila, è il Masterchef edizione numero 10, la più vista degli ultimi tre anni (1040.372 spettatori medi e il 3,87% di share).

Padre di Ludovica (4 anni), maitre e docente di sala, di Altamura l’ho già detto, residente a Bellaria, Rimini, detto anche questo.

Francesco Aquila, in una foto casalinga pubblicata da www.riminitoday.it

Alla sua seconda partecipazione al talent per aspiranti cuochi, si presenta impeccabilmente vestito (perché “in questo lavoro è importante avere un aspetto curato”) e centra l’obiettivo, “Zio Bricco”, come avrebbe detto lui.

Racconta il suo viaggio verso la vittoria come un successo “della meritocrazia”

Vince con “My way” che sarà anche il suo prossimo libro di ricette. Il menù è stato quello dei ricordi e delle tradizioni di famiglia: primo piatto “Tavola pronta”, con gli ingredienti delle ricette dei nonni; “Niña Pinta e Santa Maria” il piatto del suo “oggi”; “Finestra sul sogno” piatto povero della sua terra aggiornato secondo la sua creatività; infine, la dolce scarcedda pugliese rivisitata a nido d’aquila “che vuole spiccare il volo”, come ha fatto lui per una vita dalla Puglia a casa, quando “le scarcedde dopo le ore trascorse in auto arrivavano rotte”.

“Sono estremamente emozionato, mi ha fatto un piacere enorme rivedermi. E chi lo sa (cosa accadrà ora come ha detto nella prima intervista rilasciata a Sky). Ho seminato, vediamo un po’ cosa si raccoglie adesso. È un pianeta nuovo da visitare, lo dovrò scoprire, ma a me piace scoprire mondi nuovi”. Come la cucina per un bambino: “È nata da un fabbisogno, quando eravamo piccoli io e mia sorella stando in casa preparavamo noi da mangiare, anche solo per fare una sorpresa ai nostri genitori quando tornavano da lavorare” è questo che lo ha avvicinato ai fuochi.

Poi la vita, comune, semplice di tutti i giorni. Nel 2015 il primo tentativo di cambiare per sempre la propria vita con il talent di Sky, ma non va bene: “ero rimasto molto deluso, ma ho voluto ritentare”, e così ha fatto, vicini i suoi genitori per tutto il percorso, “a loro devo tutto” ha detto.

Fino alla data fatidica del 5 marzo 2021, quando viene proclamato dai giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Giorgio Locatelli, vincitore della decima edizione di Masterchef Itali: 100mila euro in gettoni d’oro e la possibilità di pubblicare il proprio primo libro di ricette con Baldini&Castoldi.

Pronto per l’uscita, l′11 marzo. Si intitolerà “My Way. Zio Bricco che ricette”.