La coppia italo-argentina Niky Binetti e Joaquin Bolognese si impone al termine della maratona del 18 ottobre scorso al Kick Off sport center di Cavallino, per la categoria Master. Nel friendly, primo posto per Serena Mangialardo e Gianni Imbriani. Francesco Giorgino e Mino Taveri già al lavoro per la seconda edizione: “Evento di respiro nazionale”

 

Francesco Giorgino

LECCE – Hanno regalato divertimento e adrenalina gli 80 atleti che hanno partecipato alla prima edizione del torneo Salento Padel Cup, organizzato da Ds Automobiles e TecniGom di Lecce: la coppia Niky Binetti e Joaquin Bolognese si è imposta al termine della maratona di domenica 18 ottobre, al Kick Off sport center di Cavallino (in provincia di Lecce).

I VINCITORI DELLA PRIMA EDIZIONE

L’italiano e l’argentino hanno conquistato il primo posto per la categoria Master, dopo una serie di partite iniziate alle 12,30 per concludersi dopo le 21. Per la categoria friendly, misto uomo donna, ha vinto la coppia composta da Serena Mangialardo e Gianni Imbriani, al termine dei match andati avanti dalle 8,30 sino alle 21.

Ai vincitori di entrambi le categorie del torneo sono stati consegnati i voucher per sette notti a Corfù (viaggio e pernottamento per due persone offerto da Vapatours). Premi anche per tutti gli altri partecipanti alla prima edizione, grazie al sostegno delle seguenti realtà imprenditoriali che hanno creduto nell’iniziativa: Officine Padel Italia (Roma), Fitsport Academy (Roma), Kick Off (Lecce), Fugu (Lecce), Cordisco (Brindisi), Limongelli (Brindisi), Myc (Roma), Crash Display (Lecce), Campa (Lecce) e Munich.

L’IMPEGNO DEI PADELISTI ANONIMI E LA DISPONIBILITA’ DEGLI ASSESSORI FORESIO E PINTO

Al torneo, organizzato dai brindisini Mino Taveri, giornalista e conduttore Mediaset, e Francesco Giorgino, entrambi di Brindisi, con il prezioso supporto dei Padelisti anonimi, hanno partecipato donne e uomini, arrivati da tutta Italia.

“E’ stata un’esperienza indimenticabile che premia l’enorme forza di volontà e lo straordinario impegno del gruppo organizzatore nel quale si ritrovano gli appassionati di questa disciplina: sono stati i primi a credere nell’iniziativa come occasione per fare sport, conoscersi e, al tempo stesso, contribuire alla promozione turistica del Salento, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia”, dice Francesco Giorgino.

“Il sorriso e l’aggregazione, seppure in un periodo di forte ridimensionamento, hanno reso questo torneo un evento di successo sul territorio, con presenze anche da fuori regione”, sottolinea Chiara Vetrugno, giocatrice di padel e presidente dei Padelisti anonimi. Il gruppo è nato a Lecce qualche mese fa ed è già arrivato a contare 160 componenti. “Un plauso ai vincitori di entrambe le categorie e un ringraziamento a tutti i partecipanti per aver scelto il nostro Salento. Ci auguriamo che la prossima edizione sia ancor più ricca di presenze e sorprese”

“Un grazie va anche agli assessori allo Sport e al Turismo dei Comuni di Lecce e Brindisi, Paolo Foresio e Oreste Pinto, per la disponibilità dimostrata verso una realtà sportiva che, qui nella zona del Salento, non è diffusa come altrove”, aggiunge Giorgino. “Chissà magari, a breve, li vedremo entrambi giocare a Padel”, si lascia scappare l’organizzatore che ha già iniziato a lavorare per la seconda edizione del torneo, sempre al fianco di Mino Taveri con tutta la grande famiglia dei Padelisti anonimi.

“Con il torneo di Cavallino siamo riusciti a scatenare l’entusiasmo di tutti quelli che del Padel avevano solo sentito parlare: ora tutti vogliono giocare”, dice il giornalista Taveri. “E’ stato qualcosa di unico e speciale e non oso immaginare se non ci fossero state le limitazioni dovute all’emergenza Covid, quale affluenza di pubblico ci sarebbe stata. Il livello della competizione si è dimostrato molto alto, così come l’organizzazione, parole d’elogio sono arrivate soprattutto dai giocatori stranieri che hanno preso parte al torneo”, continua Taveri.

LA SECONDA EDIZIONE: APPUNTAMENTO NEL 2021, PREVISTA UNA SEZIONE VIP

“L’obiettivo è dare continuità all’evento, felici anche di aver riscontrato l’interesse delle città di Brindisi e Lecce. Il capoluogo salentino è dotato di campi, ma speriamo che anche nel Brindisino possano nascere presto impianti per questo sport”, prosegue il giornalista Mediaset. L’assenza di strutture sportive a Brindisi città rende, ad oggi, impossibile raccogliere le richieste degli sportivi brindisini che per giocare a Padel sono costretti a spostarsi in provincia di Lecce.

“Per la prossima edizione, l’idea è realizzare un’appendice dedicata ai Vip, tra nomi noti di sport e spettacolo: il vulcanico Francesco ci sta già lavorando”, anticipa Mino Taveri. L’edizione 2021, infatti, si preannuncia ricca di novità.

 

 

“Come prima cosa vogliamo che il torneo Salento Padel Cup diventi un appuntamento fisso tra gli eventi sportivi delle province di Brindisi e Lecce e che abbia rilievo nazionale”, dice Giorgino. “Torneremo tra la primavera e l’estate 2021 e sì, ci sarà una sezione dedicata ai Vip per rafforzare l’unione tra sport, divertimento e promozione turistica del nostro territorio. Abbiamo avviato una serie di contatti con alcuni giocatori di calcio e basket di serie A: più di qualcuno si è già cimentato con il Padel, altri sono diventati padelisti provetti, quindi il divertimento in campo sarà assicurato”.